Come si affronta la FIV? 8 Passaggi!

Le parole “fecondazione in vitro” (FIV) ti fanno rabbrividire? Beh, non c’è nulla di cui preoccuparsi, visto che la FIVET è in giro da 40 anni ed è ora comunemente usata in tutto il mondo per aiutare a far nascere bambini sani.

Gli interventi e le tecnologie mediche sono ora frequentemente utilizzati in tutti i tipi di procedure mediche e la FIVET è solo uno di questi che può contribuire a un esito positivo.

Fecondazione in vitro significa letteralmente “fecondazione in vetro”, solo che oggi non è più in vetro, ma in plastica. Il processo prevede la fecondazione dell’ovulo con lo sperma in un’incubatrice all’esterno del corpo e il trasferimento dell’embrione migliore nell’utero della donna. L’intero processo, fino allo stadio di trasferimento dell’embrione, dura di solito dalle tre alle quattro settimane.

Se, dopo un primo consulto (test e diagnosi), il vostro specialista stabilisce che la FIVET è l’opzione migliore per voi, allora le 8 fasi del trattamento FIVET sono delineate qui di seguito:

  • Fase 1: Inizio del trattamento
  • Fase 2: Stimolazione delle ovaie
  • Fase 3: Iniezione di attivazione
  • Fase 4: Recupero degli ovuli e raccolta dello sperma
  • Fase 5: Fecondazione (inseminazione) e sviluppo di embrioni
  • Fase 6: Trasferimento dell’embrione
  • Fase 7: fase luteale
  • Fase 8: Test di gravidanza
  • Ecco i dettagli passo dopo passo:

Fase 1: Inizio del trattamento

Durante un ciclo mestruale regolare, gli ormoni pituitari – l’ormone luteinizzante (LH) e l’ormone follicolo-stimolante (FSH) – collaborano per far crescere e rilasciare un uovo da un follicolo pieno di liquido nell’ovaio. Mentre molti follicoli iniziano a crescere ogni mese, solo uno diventerà abbastanza maturo per ovulare. L’ovulazione (rilascio dell’ovulo dall’ovaio) è causata da un aumento dell’LH circa due settimane prima dell’inizio delle mestruazioni.

This image has an empty alt attribute; its file name is people-219985_640.jpg

D’altra parte, durante un ciclo di FIVET, è auspicabile che più uova maturino contemporaneamente grazie alle iniezioni di FSH, con un’iniezione di trigger, somministrata per far maturare le uova in via di sviluppo prima del recupero. Da qui la necessità di una “soppressione pituitaria”.

Ci sono diverse forme di trattamento della FIVET: con la soppressione dell’ipofisi prima dell’inizio della stimolazione (a volte chiamata “downregulation lunga”), e con la soppressione dell’ipofisi dopo l’inizio della stimolazione (a volte chiamata “ciclo antagonista”).

Il vostro specialista del trattamento avrà selezionato il tipo di ciclo più adatto alle vostre esigenze individuali.

Il vostro coordinatore della fertilità vi fornirà informazioni dettagliate sul vostro specifico ciclo di trattamento, compresi il programma e i farmaci. Vi mostrerà anche come somministrare le vostre iniezioni giornaliere di FSH e vi darà istruzioni per qualsiasi altro farmaco di cui potreste aver bisogno durante il vostro ciclo di trattamento.

Fase 2: Stimolazione delle ovaie

Questo passo prevede la stimolazione delle ovaie con farmaci per promuovere la crescita di follicoli contenenti uova. Questa stimolazione si ottiene con iniezioni giornaliere di FSH per 9-14 giorni. La dose di FSH utilizzata è leggermente superiore alla dose che la donna produce naturalmente – nella speranza di stimolare la crescita di diversi follicoli.

La risposta delle ovaie è monitorata da regolari ecografie ed esami del sangue. La maggior parte delle donne imparano a somministrare le iniezioni da sole o il loro partner può aiutarle, riducendo il numero di visite in clinica.

Fase 3: Attivazione dell’iniezione

La fase di stimolazione ovarica termina quando le ecografie mostrano che il numero e la dimensione dei follicoli sono adeguati. Le iniezioni di FSH e GnRH agonista/antagonista (soppressore pituitario) vengono poi interrotte. Una volta che il vostro coordinatore della fertilità avrà confermato i tempi della procedura attraverso il teatro, vi dirà l’ora esatta in cui dovrete somministrare la vostra iniezione trigger. Si tratta di un’iniezione di gonadotropina corionica umana (hCG) per favorire la maturazione finale dell’uovo e staccarlo dalla parete follicolare.

L’uovo viene recuperato la seconda mattina dopo l’iniezione finale (34-36 ore dopo). La tempistica dell’iniezione del grilletto è fondamentale, quindi assicuratevi di annotarla attentamente con le vostre istruzioni.

Fase 4: Recupero degli ovuli e raccolta dello sperma

Il vostro specialista procederà quindi a raccogliere o “raccogliere” le uova sotto leggera sedazione. Si tratta di far passare una sonda ad ultrasuoni, con un ago sottile attaccato, attraverso il canale vaginale e in ogni follicolo dell’ovaio. Il liquido nel follicolo viene poi estratto in una provetta e studiato al microscopio per cercare le uova.

This image has an empty alt attribute; its file name is medic-563423_640.jpg

Questa procedura richiede dai 20 ai 30 minuti, a seconda del numero di follicoli che si sono sviluppati. Dopo il recupero delle uova, vi riposerete per un’ora prima di tornare a casa. Il centro di fertilità della città raccomanda ai pazienti di prendersi un giorno di riposo e di evitare l’esercizio fisico faticoso.

Il giorno del prelievo degli ovuli, al vostro partner verrà chiesto di produrre il suo campione di sperma. I servizi igienici per uomini sono disponibili in ogni clinica presso il Centro di Fertilità della città. Se voi e il vostro partner avete dei dubbi sulla raccolta del campione, vi preghiamo di discuterne con il personale prima di iniziare il vostro ciclo. È possibile produrre il campione a casa e consegnarlo alla clinica, oppure congelare uno dei campioni di sperma del vostro partner come riserva.

Fase 5: Fecondazione (inseminazione) e sviluppo di embrioni

Il campione di sperma viene poi lavato e concentrato e aggiunto alle uova circa quattro ore dopo la raccolta. Lo sperma e gli ovuli vengono messi in incubatrice durante la notte e gli ovuli vengono esaminati il giorno successivo per verificare la presenza di segni di fecondazione. In generale, il 60-70% degli ovuli viene fecondato se il campione di sperma appare normale.

Un embriologo vi contatterà per discutere i risultati della fecondazione e per qualsiasi domanda. Le uova fecondate vengono poi tenute in incubatrice per altre 48 ore.

Il vostro specialista può suggerire l’iniezione intracitoplasmatica di spermatozoi (ICSI) come parte del vostro trattamento se la qualità dello sperma è bassa (conta spermatica, morfologia o motilità). L’ICSI è una forma specializzata di trattamento per l’infertilità maschile e prevede l’iniezione di un singolo spermatozoo direttamente in un singolo ovulo maturo.

Passo 6: Trasferimento di embrioni

Il trasferimento dell’embrione avviene da due a cinque giorni dopo il prelievo dell’uovo. L’embrione scelto per il trasferimento viene inserito in un sottile catetere di plastica (un tubo flessibile), che viene fatto passare attraverso la cervice nell’utero e delicatamente rilasciato. Il processo stesso richiede solo pochi minuti ed è di solito indolore.

Di solito viene trasferito un solo embrione, o due in casi eccezionali – dipende dalla vostra situazione personale e dalla qualità dell’embrione.

Dopo il trasferimento, alcuni degli embrioni rimanenti possono essere adattati per la vitrificazione (congelamento rapido), e questa opzione è disponibile per tutti i pazienti in trattamento di FIVET. Gli embrioni congelati possono essere utilizzati in cicli successivi se il primo non ha avuto successo. Per essere congelati, gli embrioni non devono presentare segni di sviluppo anormale / lento o di frammentazione (decomposizione cellulare).

Fase 7: fase luteale

La fase luteale è il periodo di due settimane tra il trasferimento dell’embrione e il test di gravidanza. Durante questo periodo è importante che vi prendiate cura di voi stessi e manteniate una buona salute e benessere. Sarete incoraggiati a limitare tutte le attività impegnative per le prime 24 ore dopo il trasferimento.

This image has an empty alt attribute; its file name is fiv-don-spermatozoide-1024x608.png

Il farmaco progesterone che si inizia a prendere dopo il prelievo dell’ovulo può a volte causare stanchezza, nausea, crampi e gonfiore. Potete scegliere di prendere un antidolorifico se sentite qualche disagio. Se siete preoccupati per qualsiasi sintomo, contattate il vostro centro di fertilità e parlate con un coordinatore della fertilità.

Può verificarsi un’emorragia vaginale prima del test di gravidanza, ma ciò non sempre significa che il trattamento non sia andato a buon fine. Dovete continuare ad usare i farmaci per il trattamento fino all’inizio delle mestruazioni e/o fino a quando voi e il vostro specialista avrete ricevuto i risultati delle analisi del sangue.

Fase 8: Test di gravidanza

Il test di gravidanza deve essere eseguito circa 14 giorni dopo il trasferimento dell’embrione. La vostra infermiera vi chiamerà per darvi i risultati e consigliarvi sulle prossime tappe del vostro viaggio verso il parto.

Riconosciamo che il periodo tra il trasferimento dell’embrione e il test di gravidanza può essere emotivamente carico e ansioso. Ci rendiamo conto che questo può essere un momento difficile e vi incoraggiamo a chiamare la vostra clinica per chiedere aiuto se avete difficoltà ad affrontare lo stress dell’attesa. L’accesso a consulenti professionali è disponibile anche come parte del trattamento FIVET.

Approfittate di una
pre-diagnosi GRATUITA!

Su richiesta e senza
alcun obbligo da parte vostra.

Consultazione gratuita al 100%. Analizziamo la vostra situazione, le vostre esigenze e aspettative. E stimiamo il budget necessario per : Volo + Hotel + Taxi + Chirurgia.

In ogni momento, si rimane sempre in totale controllo del processo. Serenità totale.